Blog

Mutande Pazze

Siamo alla ribalta, senza mutande e senza freni! Grazie a quel Sacro Maschio di Giuseppe Cruciani ho rilanciato sulla necessità della riapertura delle case chiuse su Radio 24 a La Zanzara, e ci è venuto in mente come chiamare il programma relativo al tema che rilancerò prontamente in occasione delle amministrative a Livorno: mutande pazze.

Manco a farlo apposta, o forse no, Dagospia ha tirato fuori la foto postata in mattinata che riportava l’omonimo hashtag tratto dal film di D’Agostino del 1992–che manco a farlo apposta per davvero, è il mio anno di nascita. Faccio leva sui sensi, che sono più potenti della demagogia politica… E intraprendo la mia personale campagna contro l’ipocrisia con i soliti metodi politicamente scorretti e anti sistema (e per questo efficaci), riassumibili con una parola: pornopolitica. Ci tengo a far notare che io non mostro niente di più che un culo, quel sacrosanto specchio dell’anima in cui Tinto Brass ha visto tanto. Scrivo sul post successivo:

Al culo manca l’espressione, perché se la maggior parte dei culi della società potesse parlare… Cadrebbe il teatrino sulla quale si basa, e si creerebbe uno strappo anarchicamente orgiastico.

Non so se il sistema farà caso alle frasi che accompagnano le mie immagini o inizieranno a toglierle quando ne scoprirà il motivo, fatto sta che questa campagna che unisce diverse arti è cominciata e sono freddamente consapevole e combattiva al pari di Adriano Celentano che ha dichiarato di fregarsene del calo di ascolti di Adrian perché interessato soltanto agli ultimi fedeli accoliti. Mi sono sentita tanto come lui anche recentemente al provino per un reality, quando dopo averli indotti sulle motivazioni per non prendermi per ben 45 minuti, ho chiuso recitando la prefazione de L’Anticristo di Nietzsche di fronte alla telecamera. Su Instagram ho meno followers di tante influencers perché me ne fotto di passarci le giornate, ingaggiare promoters e comprare followers per ostentare quella pochezza di cui le più sono costituite: faccio quello che mi va in totale indipendenza, e chi mi ama mi segua o si levi di culo. (Postandone un po’, ammetto che almeno il 50% di chi mo segue lo fa per questo o perché paradossalmente mi odia e mi offende, ma me ne frego: il fine giustifica i mezzi.)

IMG_1267
Mutandine nere, in vendita.

Invito chi sposa il Cantinipensiero ad iscrivervi allo sfaccettato e sfrontato canale YouTube, sul quale spero di poter lanciare a breve le prime composizioni musicali.

https://www.youtube.com/c/TheVenusians

E ora, chi mi vorrebbe come testimonial nazionale?

 

 

2 thoughts on “Mutande Pazze”

  1. DONNE LIEVI COME FARFALLE

    Mi piacciono le donne lievi come farfalle,
    che fanno tutto a modo loro.
    Che vivono fuori dal coro, sempre sé stesse.

    Seguendo il loro intuito, il loro cuore,
    la loro speciale sensibilità femminile.

    Mi piacciono le donne che non danno mai
    la colpa agli altri per i loro errori.

    Ed ogni sconfitta è per loro una lezione
    che hanno imparato.

    Mi piacciono quelle innocenti, semplici, sincere,
    che sanno stupirsi continuamente,
    che amano la tenerezza e i colori sfumati.

    Che sono leggere senza mai essere superficiali,
    che sfiorano appena ciò che desiderano,
    che amano senza possedere.

    Le donne “farfalla” sanno stupire a modo loro,
    aprendo le ali per un infinito istante.

    Volano d’arcobaleno,
    fino a dove il colore diventa luce.

    Like

  2. ARGENTEA

    Quando prona, col ventre ne l’arena,
    nuda si lascia al conquistare lento
    de le maree, non dunque a luna piena
    ella è una grande statua di argento?

    Venere Callipige in una oscena
    posa. Scolpiti nel tondeggiamento
    de’ lombi stan due solchi; ampia la schiena
    piegasi ad un profondo incavamento.

    Cresce il flutto e la bagna. Ella si scuote
    io a’ senso di quel gelido contatto
    e di piacer le vibrano le terga.

    Il flutto su la faccia la percuote;
    ma rimane godendo ella in quell’atto
    fin che l’alta marea non la sommerga.

    (Gabriele D’Annunzio)

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s