Blog

Casi speculari di Alienazione Parentale

     Testimonianza di Mariano, Livorno. (Tutti i nomi sono stati cambiati, e il corsivo è mio.)

  • [ ] Ho 53 anni di cui 25 passati cn la solita donna. Dal nostro fidanzamento, convivenza e matrimonio sono nate due splendide figlie: Gabriella, che oggi ha 15 anni, e Maria, che ne ha 20 .
  • [ ] Avevamo tutto ed eravamo felici, sono sempre stato per la famiglia, la casa e lavoro.
  • [ ] Faccio il Marittimo , un mestiere pieno di sacrifici ma con delle belle soddisfazioni che ha concesso negli anni di fare una vita dignitosa a me e alla famiglia: ci siamo tolti ogni sfizio, ho sempre detto alla madre delle mie bimbe di non andare a lavorare ma di prendersi cura delle figlie, della casa e di me; abbiamo passato momenti belli e brutti superando tutti gli ostacoli, da soli e con le figlie .
  • [ ] Non ho mai rinfacciato niente, non sono mai stato un padre padrone e ho dato corpo anima e cuore alla Moglie. Ero innamorato e forse avevo anche “i prosciutti agli occhi…ma ero innamorato.
  • [ ] La mia ex moglie adesso è magrissima , ma quando ci siamo conosciuti era bella in carne e parecchio!! W la Grassità!

De gustibus non disputandum est, la grassità se c’è va saputa portare.

  • [ ] Per me era la più bella del mondo, la donna che mi ha dato due splendide figlie .
  • [ ] Poi un giorno lei ha avuto la brillante idea di farsi il bendaggio gastrico e da lì è iniziato il calvario. “ti piace vincere facile eh!!”
  • [ ] Dimagrire è come smettere di fumare… è tutta una questione di testa !!

Concordo, si dimagrisce solo con la mente.

  • [ ] Lei ha iniziato con il vedersi più attraente, dunque ad indossare vestiti stretti e a bearsi degli uomini che la guardavano e delle reazioni sui vari social. (Che sono la rovina di tutto.)
  • [ ] Nel frattempo ero andato a lavorare all estero e ci sono rimasto per 4 mesi. Le figlie andavano a scuola e lei aveva carta di credito, bancomat, assegni e nessuno che la controllasse… (guadagnavo 7850 euro al mese esentasse!!). Non ho mai pensato da parte mia di farla seguire… la fiducia per me è tutto.
  • [ ] Sono convinto e ne vado fiero che come uomo, padre e marito alla famiglia non ho mai fatto mancare nulla: il rapporto era basato su condivisione, fiducia, sesso e amore, che per me sono le basi principali di un rapporto sano e duraturo che ogni coppia dovrebbe vivere.
  • [ ] Poi nel 2013 ho incominciato ad aprire gli occhi tra una parola di qua, una di là etc etc, e lei che in qualche modo era cambiata allontanandomi nei sentimenti… Finché un giorno rientrando tardi a casa presi il suo telefono sul comodino mentre lei dormiva…
  • [ ] Andai in cucina, indovinai la password e incominciai con il controllare chats, Facebook e tutto il resto; fu in quel momento mi è crollò il mondo addosso. Ero incredulo, lei si era trasformata in un’ altra persona che non conoscevo. Il 13 Gennaio 2014, sapendo tutto o quasi, entrai in casa una sera e le dissi guardandola negli occhi: “Beatrice io non ti amo più,” senza dire cosa avevo scoperto e visto nel suo telefono.
  • [ ] Lei si mise a piangere dicendomi che stava uscendo da una crisi ed io che non sapevo niente cascai dalle nuvole .
  • [ ] Le chiesi solamente quale fosse il problema dato che mi aveva allontanato nei sentimenti e quelle misere attenzioni che aveva per me erano svanite.
  • [ ] L’unica cosa che seppe fare fu recitare una buona parte in cui mi faceva sentire in colpa per le figlie; e in qualche modo ci riuscì, tanto che mi venne il dubbio che forse avevo sbagliato qualcosa o che ero stato frettoloso nella decisione.
  • [ ] La guardai e le dissi: “Beatrice nella vita tutti possiamo sbagliare, siamo fatti di ciccia, sta a te, vedi cosa vuoi fare..!”
  • [ ] Le ho dato anche la possibilità di rimediare e mi sarei tenuto pure quelle ipotetiche corna virtuali e non–che poi si sono rivelate veritiere, e alla fine non era neanche un uomo solo ma almeno due o tre. Non poteva immaginare che avrei continuato con il controllo del telefono mentre lei dormiva, sperando che si rasserenasse e di vederla chiudere ogni rapporto extraconiugale virtuale e non, ma invece ha fatto di peggio.
  • [ ] Tutto questo l’ho scoperto a Gennaio e sapendo tutto sono rimasto a casa fino al 19 marzo dove la mattina accadde il pandemonio e sui costretto ad andare via da casa con una valigia trolley e un borsone dove dentro c’erano 4 paia di scarpe da tennis, 6 paia di pantaloni, 3 giacchetti è un po’ di mutande (tutta roba comprata alla Upim o al mercatino del venerdì) e con il conto corrente prosciugato.
  • [ ] Le ho dato la possibilità di rimediare ma ha fatto peggio e l’ho beccata in flagrante. Nonostante tutto non le ho fatto la guerra, ci siamo separati in consensuale e mantengo lei e le figlie oltre a pagare l’affitto della casa dove vivono per la modica cifra di 1700 euro al mese più le spese extra.
  • [ ] A disfare una famiglia ci vuole coraggio: Gabriella, la figlia più piccola, ha sofferto tantissimo e se oggi è ribelle con me la colpa è della madre; l’altra mia figlia, Maria, ha sofferto un pochino meno ed in maniera diversa .
  • [ ] Nonostante tutto non ho mai parlato e detto nulla alle mie figlie di cosa ha fatto la madre e ai loro occhi io sono quello che ha abbandonato lei e la famiglia .
  • [ ] Ho passato l’inferno. Nel 2014 ero distrutto: dovevo mantenere l’equilibrio tra lavoro, separazione, gestione delle figlie e anche fare in modo che mia madre e le mie tre sorelle mantenessero le distanze dovute, altrimenti avrebbero picchiato la madre delle mie figlie e questo non potevo permetterlo, dovevo impedire che avvenisse una rissa tra di loro. Non contento, in piena separazione e con tutti i problemi elencati, ho fatto anche un brutto incidente in macchina a fine aprile dove mi sono fatto del male rimanendo in terapia intensiva per 4 giorni e poi ho passato diversi mesi in riabilitazione…
  • [ ] Le separazioni sono fallimenti e fanno male solo ai figli.
  • [ ] Quando mi sono separato tutti mi dicevano: “falla vergognare,” “fai la guerra,” “sputtanala,” “racconta tutto alle figlie,” ma non ho fatto niente di tutto ciò pur se la mia ex se lo sarebbe meritato… Ma non sarebbe stato giusto per le mie bambine, percentuale la mamma è sempre la mamma e non si discute.
  • [ ] Non provo rancore e alla fine le voglio ancora bene, anche se lei nei miei confronti ogni tanto esagera.
  • [ ] Quando mi sono separato una coppia di amici ha vissuto la mia separazione e tutto il resto aiutandomi in tutto e per tutto, e per questo non smetterò mai di ringraziarli; sono una coppia con la quale uscivamo insieme, lei era amica di mia moglie.
  • [ ] Faccio una premessa: questa donna, Daniela, non è stata la causa della mia separazione, e viceversa.

A pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca, come diceva Andreotti. Io però non avrei pensato niente in questo caso. Lascio la precisazione, capisco che hai la sindrome de “l’uomo è sempre stronzo,” vi fanno vivere con questa concezione. Ma qualsiasi cosa sia accaduta dopo non significa che prima le cose fossero diverse.

  • [ ] Io sono uscito di casa a marzo del 2014 con separazione a maggio e questa nostra amica nel dicembre del 2014, nonostante il suo rapporto con il marito fosse finito già da almeno 3 anni.
  • [ ] Pensa che a Luglio sempre del 2014 eravamo in ferie tutti in Corsica in casa di loro e suo marito mi disse che al ritorno delle vacanze sarebbe finita tra loro due. Con il tempo ho capito il perché.
  • [ ] Da buon amico e senza nessun interesse da parte mia ho cercato di farli ragionare e rivedere le loro posizioni dato che c’erano di mezzo due figlie piccole e che sarebbe stato difficile. Il risultato fu che alla fine lei nel mese di agosto è andata via di casa e a dicembre si sono separati.
  • [ ] Ho sempre mantenuto i contatti con entrambi gli ex coniugi anche da separati, perché le mie figlie e le loro si cercavano, e ho cercato di dividere le amicizie e di mantenere un certo riserbo, senza raccontare sia a lui che lei le vicende e i discorsi fatti sia da una parte che dall’altra.
  • [ ] Ho avuto la mia prima storia con una ragazza di Firenze iniziata a fine ottobre del 2014 quando l’ho conosciuta per caso alla festa di compleanno di mio cugino a La Spezia. Questa ragazza all’epoca aveva appena compiuto 37 anni, era figlia unica, con padre avvocato e madre direttore di banca con villa a due piani e piscina sopra Firenze; a piazzale Michelangelo per essere precisi.
  • [ ] Il venerdì quando ero libero da lavoro e figlie andavo da lei, partivo in macchina o in moto e rientravo il lunedì mattina.
  • [ ] Siamo stati insieme fino a metà luglio del 2015; poi a causa della lontananza, del vedersi non sempre, delle gelosie di lei e della mia figlia minore alla fine ho chiuso i ponti. Un po’ mi è dispiaciuto ma non potevo fare altrimenti .
  • [ ] Mi interrogava sul perché nei week libero dalle figlie ero con lei a Firenze o in giro in Versilia e quelli dove avevo le figlie uscivo con la “mia Amichetta” (così la chiamava Federica, la mia “Amichetta Daniela”) e la rispettiva prole per stare tutti insieme. Era gelosa, questo non le piaceva, così mi mise con le spalle al muro e mi lasciò libero di decidere .
  • [ ] Sempre nel 2015 in piena estate dopo che per mesi e mesi uscivamo insieme con le rispettive figlie una sera ci siamo trovati da soli e siamo andati a cena fuori. Forse perché era la prima volta, vuoi che sia stato il fatto che entrambi sapevamo tutto l’ uno dell altro o che sia stato il vino, alla fine della serata ci siamo baciati…
  • [ ] Alla fine ci siamo messi insieme e abbiamo vissuto in piena clandestinità da luglio 2015 fino al 10 Giugno del 2017, quando lei ha scelto di lasciarmi e poco dopo di mettersi con un altro uomo. Voleva liberarsi di me per paura del suo ex marito, perché essendone lui all’oscuro io gli ero ancora amico e lei sapeva che una volta scoperta la tresca sicuramente non gli sarebbe andata giù. Aveva paura e mi lasciò!Dato che è un ammiraglio con porto d’armi con deliri di onnipotenza, forse prese la decisione più saggia per l’incolumità di tutti, chissà, ma per me fu un calvario: mi rifugiai nell’alcol e negli psicofarmaci, e lo stress del lavoro completò l’opera della mia autodistruzione.
  • [ ] A Daniela ho dedicato anima, corpo, amore e passione, e l’ho accontentata in tutto senza remore.
  • [ ] Sono andato dalla psicologa per mesi fino a quando lei non è tornata da me accorgendosi del male che mi aveva fatto, considerando sicuramente anche il bel pacchetto che aveva sulle spalle–che sicuramente un altro uomo non potrebbe sopportare dato la sua problematicità.
  • [ ] Adesso stiamo di nuovo insieme nonostante le difficoltà ma con dei progressi per me importanti, e lei ha dimostrato un notevole cambiamento mettendo fine alla clandestinità. Di certo non ci facciamo vedere mano per la mano in città, ma almeno c’è chi sa di noi e non è poco.
  • [ ] Vivere nella clandestinità è devastante, umiliante e irrispettoso.
  • [ ] Il Marito di lei ?
  • [ ] Indifendibile. Si è rivelato essere un uomo subdolo e manipolatore, molto colto ma prepotente dato che ad oggi non ha ancora accettato la separazione e sta usando le figlie come leva contro la madre dicendo a loro “vostra madre è una puttana, troia, ha trombato tutti quelli della caserma.” Una delle bimbe e da gennaio che dal padre non ci va più e ha smesso di ridere, l’altra ha messo le mani al collo alla madre chiamandola puttana.
  • [ ] Le diffide, le denunce penali, gli assistenti sociali etc etc… per cosa?? Due figlie segnate che per anni avranno problemi e dovranno andare dalla psicologa,con la madre compresa!
  • Non va bene come si è comportata la mia ex tradendomi e non dialogando, e non va bene come si sta comportando il suo.

Eh sì, ogni situazione va vista, ma il matrimonio andrebbe cercato di salvare ad ogni costo e in ogni caso l’alienazione parentale è inammissibile.

  • [ ] Come ho scritto più su, ogni separazione e’ diversa: è vero gli uomini sono quelli che ci rimettono sempre o quasi, ma da entrambi le parti il primo pensiero dovrebbe essere per la tutela dei figli.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s